OpenObject: un framework che si adatta ai processi aziendali.

Un punto critico per ogni realtà aziendale che affronta l’utilizzo di un nuovo software è l’esigenza di farlo aderire ai propri processi, oppure la necessità di modificarli per adeguarsi a quelli previsti dal software.

In altre occasioni, anche a seguito di ristrutturazioni, fusioni o altri cambiamenti organizzativi, si prendono in esame i processi per razionalizzarli e di conseguenza occorre adeguare le procedure software.

Spesso software anche molto sofisticati, ma scritti in modo tradizionale, hanno una certa rigidità, per cui l’impatto delle modifiche dei processi aziendali può essere notevole. Anche i costi di sviluppo, conseguentemente, sono considerevoli.

Nel caso di OpenERP, fortunatamente, la situazione è molto più favorevole. Il suo framework di sviluppo, OpenObject, prevede il ruolo centrale dei processi, “workflow” nella terminologia di OpenObject, che possono essere disegnati e modificati agevolmente, in modo da rispecchiare esattamente il meccanismo dell’azienda.

Ad esempio, consideriamo la creazione di ordini di vendita a partire dai preventivi:

wflow1

Per accedere alla definizione dei workflow associati occorre attivare la modalità sviluppatore. Clicchiamo sul menu in alto a destra e scegliamo Informazioni su OpenERP:

lead8

Quindi, nel pannello che si apre, clicchiamo su “attiva la modalità sviluppatore”:

lead9

Come vedete, a questo punto è comparsa una piccola icona a destra del titolo del form:

wflow2

Cliccando su di essa si visualizzano i workflow, ossia i processi, collegati con le varie entità di OpenERP, nel nostro esempio il processo di vendita, con i suoi sottoprocessi, fattura cliente e approvvigionamento:

wflow3

Il workflow può essere modificato per adeguarlo ai processi aziendali, compilando opportune tabelle, senza intervenire sui programmi:

wflow4

Inoltre per ogni step è possibile definire in modo naturale i livelli di controllo per ogni utente, così da rispecchiare anche fasi di approvazione, escalation, ecc.

Queste caratteristiche rendono OpenObject uno strumento validissimo non solo per la realizzazione delle procedure software definitive, ma anche per analisi e disegno dei processi . E’ infatti possibile impostare rapidamente dei prototipi che possono essere condivisi con gli utenti allo scopo di verificare concretamente diverse soluzioni organizzative.

Stefano Siccardi

facebooktwittergoogle plus

Ho svolto attività diversificate, a partire dalla laurea in matematica e dall'esperienza di programmatore di software di base, per arrivare alla consulenza organizzativa


Comments are closed.