Software ERP per piccole e medie aziende

Il concetto di ERP è abituale e ben noto per le grandi aziende. Invece, a causa dei grandi investimenti che questi software richiedevano fino a poco tempo fa, le piccole e medie imprese sono rimaste in gran parte escluse dai loro benefici effetti.

software-gestionaleFortunatamente la situazione sta cambiando grazie a software opensource, come OpenERP. Per questo esponiamo qui i termini fondamentali degli ERP e le caratteristiche che li rendono così importanti.

La sigla ERP significa Enterprise Resource Planning, cioè Azienda, Risorse (persone, relazioni, investimenti, prodotti, conoscenze,…) e Pianificazione (tempi, progetti, luoghi, quantità, metodi…). In pratica si riferisce a sistemi di gestione che integrano tutti i processi aziendali o almeno i più rilevanti.

Tra questi processi figurano ad esempio: le vendite (gestione clienti, preventivi, ordini, agenti, ecc.), gli acquisti (gestione fornitori, richieste di preventivi, ordini, ecc.), i magazzini (ricezione e uscita di merci, inventari, valorizzazione, ecc.), il personale (presenze, lavoro su specifici contratti, turni, paghe, ecc.), la produzione (distinte base, lavorazioni, ordini di produzione, lavorazioni esterne, ecc.), la contabilità (fatture attive e passive, prima nota, bilancio, ecc.), la gestione dei progetti (impostazione degli obiettivi, controllo dei tempi, allocazione delle risorse, ecc.), la logistica e la distribuzione (movimenti di materiali e prodotti finiti, punti vendita, ecc.), il controllo di gestione (verifica del raggiungimento degli obiettivi generali).

L’evoluzione dei sistemi di gestione è cominciata intorno agli anni ’60 con programmi sviluppati ad hoc, dedicati a singole funzioni aziendali e scritti nei linguaggi dell’epoca, come il Cobol. Subito dopo, a partire dagli anni ’70, l’attenzione si è focalizzata sull’informatizzazione della produzione, con i pacchetti MRP (Manufacturing Resource Planning) o CIM (Computer Integrated Manufacturing) che ponevano maggiormente l’accento sull’integrazione dei processi. Gli ERP, la cui diffusione è cominciata negli anni ’90, rappresentano il passo successivo, in quanto prendono in considerazione, oltre alla produzione, tutti gli altri aspetti dell’azienda. L’integrazione dei dati in un solo database, l’utilizzo di archietetture client-server o, più recentemente, web, sono tra gli aspetti tecnici rilevanti di questi sistemi.

I sistemi precedenti agli ERP erano costituiti da isole (la contabilità, le vendite, la produzione, ecc.) ciascuna con il suo database, che doveva essere interfacciato con quello delle altre. Gli ERP, invece, hanno un solo database operativo, dedicato alle operazioni della normale gestione aziendale. Anche le interfacce per gli utenti, i report, le modalità operative sono uniformi. Direttamente dal database operativo, oppure attraverso l’estrazione di dati sintetici, è possibile ottenere anche le informazioni necessarie a supportare le decisioni strategiche.

Fino a poco tempo fa, come ho detto all’inizio di questo post, tutte queste caratteristiche erano riservate a prodotti software a pagamento, che richiedevano notevoli investimenti per l’acquisto delle licenze d’uso, non alla portata delle piccole e medie aziende italiane. Inoltre, non essendo software open, le aziende che li acquistavano rimanevano legate al fornitore per qualsiasi personalizzazione, aggiunta o altro servizio necessario.

Oggi sono disponibili software come OpenERP che non prevedono licenze d’uso e sono distribuiti con il codice sorgente. Ciò significa che il budget a disposizione può essere effettivamente dedicato ai servizi a valore aggiunto, come la personalizzazione del software, la formazione, l’assistenza. Inoltre la diffusione pubblica del codice sorgente evita qualsiasi monopolio delle conoscenze da parte di un singolo fornitore: l’azienda può scegliere in qualsiasi momento di rivolgersi a chi vuole per la manutenzione del suo programma.

Stefano Siccardi

facebooktwittergoogle plus

Ho svolto attività diversificate, a partire dalla laurea in matematica e dall'esperienza di programmatore di software di base, per arrivare alla consulenza organizzativa


Comments are closed.